Tirocinanti calabresi, Persico (Cisal): “Sbloccare il bando per procedure selettive nei ministeri”

E’ quanto chiede la segreteria regionale del sindacato al governatore Roberto Occhiuto a tutela di questa tipologia di lavoratori

“Accelerare le procedure necessarie a sbloccare il bando, inserito nel decreto ‘Sostegni Bis’, dedicato i tirocinanti calabresi, che, numeri alla mano, dovrebbe prevedere quasi duemila assunzioni ripartite tra i Ministeri della Giustizia, dei Beni culturali e dell’Istruzione”.

E’ quanto chiede la segreteria regionale della Cisal al Governatore Occhiuto a tutela dei tirocinanti calabresi che hanno acquisito notevole esperienza negli uffici coinvolti e concluso la formazione attraverso il programma attivato dalla Regione.  “Siamo preoccupati per i tempi – spiega Gianluca Persico – e per le possibili modifiche alla prima stesura che potrebbero penalizzare ulteriormente queste persone, ferme ormai da tempo senza nessun sostegno al reddito. Vogliamo augurarci che il Governatore Occhiuto possa intervenire a stretto giro presso il Ministero della Funzione Pubblica. A questo si aggiunge – conclude Persico – la forte preoccupazione per  la situazione degli ex percettori coinvolti nei “Tis” sui quali auspichiamo un apertura di un tavolo interministeriale per costruire un percorso analogo che non può, per ovvie ragioni, trovare soluzione solo in ambito regionale”.