Nelle scuole di Pizzoni, nel Vibonese, una panchina rossa contro il femminicidio

Guidati dall’intero corpo docente, gli alunni hanno esposto riflessioni, realizzato disegni e ricordato Lea Garofalo

Grande emozione per gli alunni delle scuole Primaria e Secondaria di Primo Grado di Pizzoni, afferenti all’Istituto Comprensivo di Vallelonga-guidato dalla dirigente scolastica Eleonora Rombolà-, che oggi hanno celebrato la ‘Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”

Nel cortile della scuola, alunni, docenti e personale scolastico -tutti con un nastro rosso- hanno inaugurato una panchina rossa, simbolo della giornata, sulla quale hanno posto alcune rose rosse per omaggiare le donne vittime di femminicidio. Tutti gli alunni hanno esposto i propri lavori: disegni, pensieri e racconti, precedentemente preparati in classe per affrontare il delicato argomento.

La manifestazione è stata introdotta dalla vice preside, Maria Teresa Barbieri, che ha spiegato il significato della ricorrenza, sensibilizzando gli alunni al riconoscimento e al rifiuto di ogni forma di violenza. A seguire, gli alunni della classe III della scuola Secondaria di Primo grado hanno recitato poesie e ricordato Lea Garofalo, donna simbolo della lotta alla mafia e alla violenza di genere.

Bambini e ragazzi hanno dimostrato di aver ben interiorizzato il messaggio lanciato dall’iniziativa di questa Giornata: grande soddisfazione è stata espressa da tutto il team scolastico.