“Terra santissima”, in uscita a dicembre il libro della scrittrice vibonese Giusy Staropoli

Una storia di incontri inattesi, cominciati tutti in Aspromonte per finire chissà dove. Anche a Duisburg, a ferragosto

Dal 15 dicembre la scrittrice vibonese Giusy Staropoli Calafati torna in libreria con un nuovo romanzo. Si intitola “Terra Santissima” ed è pubblicato da Laruffa editore. Il libro racconta di Simona Giunta, giornalista, che vive a Milano. Segno particolare di riconoscimento: figlia di emigrati calabresi in Lombardia. Una donna caparbia e ostinata, con un lavoro che ha sempre desiderato di fare e un assillo che la tormenta. Un pugno di nocciole lasciate in Aspromonte vent’anni prima. Una terra e un destino che si ripresentano a lei stravolgendole la calma in cui vive.

Una trasferta di lavoro la riporta sulle tracce della sua vita passata, nel cuore della valle delle grandi pietre, dentro i luoghi intimi di Francesco Perri e Corrado Alvaro. A Polsi, sotto lo sguardo materno della Madonna della montagna, in mezzo al volo dei falchi pellegrini, ma soprattutto dentro le braccia forti di un pastore dell’Aspromonte. Quelle soffocanti della santa ‘ndrangheta.

Un destino “bastardo e irregolare”, mai disposto a svelare se la strada intrapresa “è quella dell’inferno o del paradiso. E chi cammina vicino a te è un Dio o un diavolo. Una storia coinvolgente, forte, a volte crudele, a cui però Simona non rinuncia. E vi entra dentro con tutta sé stessa”. Una storia di incontri inattesi, cominciati tutti in Aspromonte per finire chissà dove. Anche a Duisburg, a ferragosto.