Vibo, bolletta recapitata a fondazione da anni trasferita altrove

La presidente: “Voglio portare il caso a conoscenza dei cittadini onesti, che rischiano di pagare tributi non rispondenti ai reali consumi”

Mary Sorrentino, presidente della fondazione "Federica per la vita onlus"

Il canone di locazione è scaduto da anni, ma le bollette comunali arrivano lo stesso all’ex locataria. E’ quanto successo a Mary Sorrentino, presidente della fondazione “Federica per la vita onlus” la cui sede è stata trasferita da tempo a Vibo Marina.

“Nel 2018 -racconta Sorrentino- abbiamo scoperto che i locali di via Pescatore di Bivona (dov’era sita la sede della fondazione) non ricadono nel territorio comunale, ragion per cui abbiamo chiesto a chi avremmo dovuto corrispondere le utenze”. Il dubbio non è mai stato sciolto: “Il Comune – asserisce la presidente- continuava a ripeterci che l’edificio era di sua proprietà, ma il Demanio reclamava i suoi diritti. Per ovviare al problema, nel giugno di quell’anno abbiamo spostato la sede a Vibo Marina, dove qualche giorno fa è arrivata una bolletta dell’acqua il cui importo era calcolato come acconto del 2011. All’inizio pensavo che la bolletta si riferisse alla nuova sede, ma ho poi constatato che si trattava dell’indirizzo di via Pescatore”.

Sorrentino si è molto arrabbiata e ha avuto un botta e risposta con il sindaco, Maria Limardo, sui social. “So di dover risolvere la questione negli uffici competenti- ha affermato la presidente-, ma ho preferito rendere pubblico il problema per vari motivi: primo perchè la sede della fondazione che presiedo non si trova più a Bivona; secondo perchè l’immobile è inutilizzato da tre anni e non si capisce con quale criterio sia stata generata la bolletta; terzo in quanto potrebbe darsi che ci sia una perdita d’acqua che il Comune non ha mai riparato”.

“In considerazione di ciò- conclude Sorrentino- voglio informare la cittadinanza che rischia di sborsare soldi per bollette non veritiere”