Senza Green Pass cerca di imbarcarsi: è accampato da due giorni a Villa San Giovanni

Il diretto interessato: “Una battaglia di principio. Spero che un giudice mi faccia tornare a casa”

“Mi sento come nel film The Terminal”, dice a Repubblica Fabio Messina, agente di commercio palermitano di 43 anni, bloccato lunedì scorso all’imbarcadero di Villa San Giovanni perché sprovvisto di vaccinazione quindi di Super Green Pass. Una mancanza che, dopo l’entrata in vigore dell’ultimo decreto, gli impedisce di prendere mezzi di trasporto pubblici tra cui il traghetto per tornare in Sicilia.

Prima dell’entrata in vigore delle nuove restrizioni racconta di essersi recato a Genova per lavoro, ma ad oggi non gli è stato ancora possibile rientrare a Palermo. Attraverso la sua legale, Grazia Cutrino del foro di Trapani, ha presentato ricorso e nell’attesa si è accampato in sacco a pelo nel piazzale dello scalo calabrese. Per lui è “una battaglia di principio” che parte dal rifiuto di sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid. “Pensavo mi facessero imbarcare purché fossi rimasto chiuso nella mia auto”. Così non è stato.

“L’Italia finisce a Lampedusa, non in Calabria”, aggiunge. L’uomo non si definisce no-vax benché abbia deciso – così come la moglie e il figlio – di non sottoporsi a vaccini contro il virus. “Sono stato 12 anni senza neanche il medico di base”, aggiunge. “Spero che un giudice mi consenta di tornare a casa”.