Ambiente, UE mette al bando oggetti di plastica monouso

I commercianti possono smaltire le scorte dei prodotti in questione, a condizione che comprovino l’immissione nel mercato prima del 14 gennaio 2022

Da domani saranno messi al bando diversi oggetti di plastica monouso, quali piatti, bicchieri, posate, cannucce, cotton fioc, palette da cocktail, bastoncini dei palloncini, contenitori per alimenti e bevande in polistirolo. Entrerà, infatti, in vigore anche in Italia la direttiva europea SUP che ha come obiettivo quello di ridurre l’uso della plastica monouso, non biodegradabile e non compostabile.

Le scorte di questi prodotti possono essere vendute, purchè il venditore dimostri che siano state immesse sul mercato prima del 14 gennaio 2022.

La legge italiana che ha recepito la direttiva esclude dal bando piatti e posate monouso in bioplastiche compostabili, e il governo chiede alla Ue di inserire la stessa distinzione nelle linee guida per l’applicazione della direttiva. L’Italia ha chiesto anche che il divieto non riguardi la carta plastificata, ossia quella ricoperta da un velo di plastica, che rappresenta meno del 10% del peso. Bruxelles ha accettato i rilievi italiani, e si è impegnata a modificare le linee guida nel senso richiesto.