Il Coronavirus non allenta la sua morsa sulla Calabria: Vibo la provincia più colpita

Il totale della popolazione vaccinata è fermo al 73,9% contro il 79% della media nazionale. Si registra, invece, un aumento nella somministrazione di prime dosi (+4,7%)

Il Coronavirus non allenta la sua morsa sulla Calabria. Nel consueto report settimanale pubblicato dalla Fondazione Gimbe, è chiaro come la situazione non si affatto in miglioramento: registrato infatti un peggioramento su tutti i fronti, che come anticipato ad inizio settimana potrebbe determinare il passaggio in zona arancione già dal prossimo lunedì.

Nello specifico, nel corso dell’ultima settimana – dal 5 all’11 gennaio – il numero di casi positivi sale a 1.546 ogni 100 mila abitanti, con un aumento settimanale del 39,9%. La provincia più colpita è quella di Vibo Valentia (con 1.883 casi ogni 100 mila abitanti) seguita da Reggio Calabria (1.148), Crotone (597), Catanzaro (483) e Cosenza (378).

Rimane inoltre critica la condizione degli ospedali, con il 38,2% di posti ordinari occupati ed il 20,1% di saturazione nelle terapie intensive. Di contro, il totale della popolazione vaccinata è fermo al 73,9% contro il 79% della media nazionale. Si registra un aumento nella somministrazione di prime dosi (+4,7%) mentre la somministrazione della terza dose è in linea con il dato nazionale al 60,8%. Scarsissima l’adesione della fascia di età 5-11, ferma all’1,1% contro il 2,4% nazionale. La decisione per un eventuale cambio di colore verrà presa domani, a seguito della consueta riunione della Cabina di Regia che valuterà questi dati assieme a quelli forniti dall’Iss.